I soldi per la distribuzione e somministrazione la nuova terapia antiepatite C sono stati anticipati dalla Regione in attesa che il ministero della Salute definisca il fondo per i farmaci innovativi. Da dicembre ad oggi il numero di pazienti presi in carico dalle strutture lombarde è di circa.”La Direzione generale Salute, attendendo che a livello ministeriale venga definito il fondo per i farmaci innovativi, ha anticipato finanziando fino ad oggi la distribuzione e la somministrazione dei farmaci anti epatite C prevedendo 160 milioni di euro per il trattamento”. A darne notizia è una nota della Lombardia, che sottolinea di essere stata “tra le prime regioni ad attivarsi per l’erogazione dei nuovi farmaci per l’HCV, appena sono stati autorizzati in Italia, e già a dicembre 2014 le Strutture Lombarde erano in grado di assicurare l’erogazione”. Oggi il numero di pazienti presi in carico dalle strutture lombarde è di circa 2.400. “La Regione – spiega la nota -, in pochi mesi, è già riuscita a coinvolgere il 35 per cento dei lombardi, confermando come le strutture stiano prendendo in carico i pazienti sulla base dell’appropriatezza prescrittiva e in modo molto veloce anche in confronto ad altre Regioni”.